Blue Flower

COMUNICATO STAMPA


Dichiarazione di Adriano Sgrò, Coordinatore nazionale dell'Area 'Democrazia e Lavoro' CGIL


GOVERNO: SGRO’ (CGIL), L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA CONDUCE ALLE GABBIE SALARIALI, E’ UN GOVERNO CHE NON CONOSCE LA VERGOGNA

Vogliono dividere i lavoratori tra quelli di serie A e quelli di serie B. In Italia, cioè in un Paese dove vi è un problema gigantesco di redditi bassi e discontinui, con la precarietà che dilaga così come i contratti pirata”


Il governo ci ha abituato, in questi mesi, al teatrino delle polemiche e delle smentite. Restano i fatti: dopo mesi di grottesco dibattito sull’autonomia differenziata, la Lega ha fatto un passo in avanti – come era fin troppo ovvio che accadesse – mettendo sul piatto della discussione le gabbie salariali, rendendosi benissimo conto che l’introduzione di una simile misura condurrebbe rapidissimamente a dividere i lavoratori tra quelli di serie A e quelli di serie B.

Un simile, incredibile dibattito avviene in Italia, in un Paese dove vi è un problema gigantesco di redditi bassi e discontinui. E’ un governo che non conosce la vergogna. La precarietà dilaga e lo stesso vale per i contratti pirata. Mentre continua ad aumentare l’evasione fiscale, si pensa di approvare la flat tax, che sarà un’operazione alla Robin Hood al contrario: togliere ai poveri per dare ai ricchi.

Il Governo gialloverde, ancora una volta, non appena sarà finita la consueta messinscena dei finti distinguo o dei puerili litigi per interessi di bottega, metterà in campo misure che prevederanno gravi ricadute negative per lavoratori e pensionati, ovviamente senza alcun confronto con i Sindacati. Era già successo poche settimane fa, con il provvedimento sul salario minimo legale, che configurava l’ennesimo attacco ai Contratti nazionali ed al ruolo dei Sindacati.

In Italia sono soltanto una minima parte i lavoratori con retribuzioni basse, mentre sono in tanti a non avere un lavoro continuo e con garanzie e tutele. Abbiamo quindi bisogno di creare occupazione per tutti – senza distinzioni tra Nord e Sud –, poiché tra l’altro, come abbiamo denunciato, il reddito di cittadinanza si sta rivelando come una misura che nulla ha a che vedere con la creazione di posti di lavoro e di sicurezza economica per le famiglie.

Per le retribuzioni dobbiamo quindi ribadire che occorre applicare i Contratti di Lavoro, rendendoli efficaci erga omnes, per ridare certezze e tutele a tutto il mondo del lavoro ed impedire il ricorso al lavoro nero, che rischia addirittura di aumentare e la proliferazione di Contratti pirata firmati da sindacati senza alcuna rappresentanza e a garanzia esclusiva dei padroni.

Ai lavoratori ed ai pensionati spetta un alleggerimento fiscale e la garanzia che lo Stato Sociale sia sempre più ampio e di garanzia per tutti. Contrariamente a quanto sta accadendo.